Loading...

Blog

Organizzarsi per il trasloco

Il sabato mattina a Castiglione c’è il mercato. Ce l’ho sotto casa per cui di solito alle 5.30 sono già sveglia e accompagno con le mie giravolte nel letto i mercanti che apparecchiano i loro banchi. Dalle 7 è tutto un vociare, spostare, scambiare: al banco frutta e verdura gli affari migliori si fanno alle 12.30 quando stanno per sbaraccare e nel sacchetto spuntano erbette in regalo, cavoletti, 2 mazzi di bietole al prezzo di 1.

Fare spazio dentro e fuori: decluttering

Ogni volta che ho liberato una casa per andare in un’altra ho provato dolore. Stipati negli scatoloni c’erano pezzi di vita decadenti, superstiti di un naufragio, i boh e gli speriamo, i questo assolutamente. Li ricordo tutti i miei traslochi: in particolare uno, in cui feci il  tragitto in auto per portare le ultime cose con le lacrime agli occhi, singhiozzavo agli stop, mi asciugavo le guance sui rettilinei, a ogni curva allungavo la mano per tenere le buste sul sedile accanto a me. Da fuori ogni trasloco deve sembrare un carico imbarazzante di ricordi.

Chiara Gandolfi gratitudine

Che bello vai a Parigi! Adoro Parigi, la città dell’amore! Come ti invidio! Io partirei subito! Che fortuna! Ti vengo a trovare!

Quando dico che mi sto per trasferire a Parigi la reazione delle persone è al 90 % di grande entusiasmo: subito viene visualizzata l’immagine di Parigi cartolina, Parigi Montmartre, Parigi Tour Eiffel, Parigi l’amore, i bistrot, i baschi e le baguette.

Impara il francese quaderno di Claire

Nonostante siano più di due anni che vado in Francia un mese sì e uno no, ho iniziato a usare timidamente qualche parola di francese solo dopo che io e Roberto abbiamo deciso di andare a vivere insieme a Parigi. Per la serie “mo mi tocca per forza”.  Prima parlavo sempre in inglese con chiunque (tranne con gli italiani e vi assicuro che a Parigi ce ne sono parecchi, per non parlare di ravennati, una vera invasione).

Storia a distanza Chiara e Roberto

Se mi avessero detto che sarei stata molto brava a gestire una storia a distanza avrei risposto, guarda che ti sbagli, io a distanza non tengo niente. Soffro il troppo vicino e il troppo lontano. Ma quella ero io 20 anni fa e la verità quando hai 20 anni è che gli vuoi stare sempre vicino. Poi ne conosci 4, 5 sbagliati e inizi ad apprezzare la lontananza e in genere ad allontanarti. Un po’ di sbagli dopo, succede e non sai bene nemmeno tu come, tutti questi calcoli con il metro non li fai più, pensi solo a fare del tuo meglio, ti sorprendi di come i fatti della vita, anche le sventure, servano.

Per continuare a navigare, accetta i cookies. Più informazioni

Questo sito usa i cookie per offrirti una migliore esperienza di navigazione. I cookie permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non permettono di identificarti direttamente. Clicca su Chiudi per chiudere questa informativa oppure approfondisci leggendo la Privacy policy che trovi in fondo alla pagina.

Chiudi